Skip to content

Varun Gandhi chiede alla CBI un’indagine controllata dalla Corte Suprema sull’incidente di Lakhimpur Kheri

Il deputato del BJP dell’Uttar Pradesh Varun Gandhi lunedì ha affermato che dovrebbe essere presentato un caso di omicidio contro coloro che sono coinvolti nella morte degli agricoltori a Lakhimpur Kheri e ha chiesto un’indagine della CBI monitorata dalla Corte Suprema sull’incidente mentre i leader centrali del BJP hanno mantenuto il silenzio e l’ecosistema Hindutva ha cercato di diffamare gli agricoltori che protestavano.

Varun, che rappresenta il collegio elettorale di Pilibhit Lok Sabha, ha scritto al primo ministro Yogi Adityanath, sottolineando che la morte dei contadini in agitazione aveva “causato rabbia e angoscia tra la gente del paese”.

“Vi esorto a identificare immediatamente tutti i sospetti coinvolti in questo caso e ad intraprendere un’azione più rigorosa avviando un caso di omicidio ai sensi della sezione 302 dell’IPC”, ha scritto il parlamentare del BJP nella lettera, sottolineando che gli agricoltori che protestavano erano “i nostri cittadini”.

Ha esortato Adityanath, noto per il suo approccio prepotente nei confronti dei manifestanti, a “trattare con i contadini con sensibilità e solo in modo gandhiano e democratico nell’ambito della legge”. Nella sua lettera, Varun ha affermato che la CBI dovrebbe indagare sull’incidente in modo limitato nel tempo sotto la supervisione della Corte Suprema. Varun ha sollevato incessantemente la questione degli agricoltori e ha esortato Adityanath a prestare un orecchio comprensivo, irritando una sezione del BJP.

Questa forte presa di posizione da parte del parlamentare del partito al governo arriva tra il silenzio della massima leadership e uno sforzo concertato da parte di una parte della più ampia famiglia Hindutva per diffamare gli agricoltori che protestano.

Il primo ministro Narendra Modi, il ministro dell’Interno Amit Shah, il capo del BJP JP Nadda e il ministro dell’agricoltura Narendra Singh Tomar non hanno detto una parola.

L’incidente arriva nel mezzo di una massiccia propaganda lanciata dal partito al governo per rinnovare l’immagine di Modi come il “leader mondiale più amabile”. La campagna è iniziata il giorno del compleanno di Modi, il 17 settembre e dovrebbe continuare fino al 7 ottobre. Il mandato di Modi come primo ministro del Gujarat è stato incluso per salutare il suo periodo imbattuto dal punto di vista elettorale di “20 anni di servizio pubblico come capo di stato”.

Gli addetti ai lavori del BJP hanno affermato che la massima leadership aveva lasciato ad Adityanath il compito di gestire l’incidente e gli aveva dato mano libera.

C’è, tuttavia, preoccupazione in una sezione del partito per l’impatto della morte dei contadini sui prossimi sondaggi.

Guidato da Modi, il BJP ha definito politicamente motivata la prolungata protesta degli agricoltori, sostenendo che le menti dell’agitazione erano rivali politici che stavano deliberatamente diffondendo disinformazione sulle tre leggi agricole.

Gli agricoltori hanno chiesto l’abrogazione delle leggi definendoli “anti-agricoltori”. Il portavoce del BJP dell’Uttar Pradesh, Harish Chandra Srivastava, ha twittato: “Ieri a Lakhimpur, Khalistanis ha ucciso i lavoratori del BJP e oggi ha attaccato una stazione di polizia a Lucknow e le ha dato fuoco con il sostegno degli scagnozzi del partito Samajwadi”.

La Bharatiya Kisan Sangh, l’associazione di agricoltori affiliata all’RSS, ha dichiarato: “Le persone coinvolte nell’incidente non erano agricoltori, appartenevano a diversi partiti politici. L’incidente è stato eseguito in maniera di sinistra”.

Un presunto video che mostra un manifestante che picchia qualcuno con un bastone è stato diffuso sui social media dai membri del BJP.

Il segretario generale (organizzazione) del BJP BL Santosh si è rivolto a Twitter per prendere di mira il Congresso. “Un pericoloso precedente è stato imposto nel nostro sistema dalla sempre più radicalizzata @INCIndia”, ha detto in merito ai capi dei ministri del Congresso che volevano visitare Lakhimpur Kheri. “E se domani anche i CM di altri partiti decidessero di visitare ogni incidente violento negli stati governati da @INCIndia…?” chiese.

Alcuni netizen si sono affrettati a fargli notare che Modi, in qualità di primo ministro del Gujarat, aveva visitato Mumbai durante l’attacco terroristico del 26/11, mentre le forze di sicurezza stavano combattendo i terroristi pakistani, e aveva persino tenuto una conferenza stampa.

In una sezione del BJP che chiamava gli agricoltori estremisti, Varun ha affermato che non era solo “ingiusto ma anche pericoloso”.

“Questa (contadini sikh) è una comunità che ha dato vite per il paese… Coloro che li chiamano traditori dovrebbero vergognarsi di se stessi”, ha detto Varun.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *