Skip to content

TikTok negli Stati Uniti è meglio morto per la Cina che venduto: rapporto

La guerra tecnologica tra Stati Uniti e Cina ha rivendicato più aziende, senza che nessuna conoscesse l’ira dei due paesi più di TikTok. A questo punto TikTok è diventato uno strumento politico, sia per il governo statunitense che per quello cinese, come un nuovo report di Reuters afferma che la Cina preferirebbe vedere l’app uccisa piuttosto che venderla a una società americana.

Le persone che hanno familiarità con la questione hanno affermato che una vendita forzata non solo farebbe sembrare ByteDance debole, ma anche la Cina. E va da sé che l’amministrazione di Pechino non vuole sembrare debole. Pertanto, è possibile che il governo utilizzi il nuovo regole di esportazione ha annunciato il 28 agosto, che le ha permesso di avere voce in capitolo nel commercio di tecnologie basate sull’intelligenza artificiale come TikTok, per impedire all’azienda di concludere un accordo.

Inoltre, questa notizia arriva appena prima di a Scadenza fissato dal presidente Donald Trump per il 20 settembre, dopodiché le società statunitensi non potranno effettuare alcuna transazione con ByteDance e precludere la prospettiva di un accordo TikTok. Pertanto, tutte le aziende che stavano cercando di ottenere una parte dell’azione (e ce n’erano molte) saranno probabilmente scontente delle notizie.

Finora, Microsoft, Google, Twitter, Oracolo, Walmart e molti altri hanno mostrato interesse ad acquistare la piattaforma. In effetti, è stata l’idea di un accordo con Microsoft che ha portato Donald Trump a riconsiderare un divieto immediato e invece a fornire un ultimatum.

Tuttavia, la Cina si è mossa per darsi voce nell’accordo il 28 agosto, progettando regole che le consentirebbero specificamente di decidere il destino della piattaforma.

TikTok è stato esaminato, non solo dall’America, per molte ragioni. Molti ipotizzano che rappresenti una minaccia per la privacy e la sicurezza sociale a causa degli stretti legami di ByteDance con il governo cinese. Questo è il motivo per cui lo era vietato in India qualche mese fa. Ora, sembra che gli Stati Uniti seguiranno le orme del loro paese alleato.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *