Skip to content

Testate giornalistiche, giornalisti chiedono al tribunale di rivedere la decisione sulla causa Nunes

Un gruppo di importanti testate giornalistiche sta offrendo il proprio sostegno a uno sforzo legale per contestare la decisione di un giudice a favore della Rep. Devin NunesDevin Gerald Nunes Le mappe della California proposte mettono gli operatori storici a rischio La famiglia di Devin Nunes ha ordinato di rivelare chi sta pagando per la causa per diffamazione Tre figure chiave dietro le quinte nell’indagine del 6 gennaio ALTRO (R-Calf.), che ha citato in giudizio il giornalista Ryan Lizza per una storia del 2018 in Esquire sulla fattoria di famiglia di Nunes.

La causa per diffamazione intentata da Nunes contro Lizza è stata inizialmente respinta da un giudice nell’agosto del 2020. Tuttavia, la Corte d’Appello degli Stati Uniti per l’8° Circuito ha stabilito a settembre che, poiché Lizza aveva twittato un collegamento alla storia in questione dopo che il deputato aveva presentato la sua causa iniziale per diffamazione, l’aveva sostanzialmente “ripubblicata” facendo rivivere la denuncia per diffamazione del legislatore.

La storia, intitolata “Milking the System”, descriveva in dettaglio l’attività lattiero-casearia della famiglia repubblicana in Iowa e affermava che la sua famiglia aveva venduto i loro terreni agricoli in California nel 2006 e “segretamente” spostato l’operazione a Sibley, Iowa, una comunità che faceva spesso affidamento sul lavoro di persone non documentate immigrati.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Nella memoria depositata questa settimana, più di due dozzine di testate giornalistiche tra cui Fox News, New York Times e Vox Media hanno affermato che la sentenza di settembre del giudice costituisce un precedente che “potrebbe creare scompiglio non solo per gli editori di notizie, ma anche per tutti i distributori di contenuti”.

“L’affermazione della giuria secondo cui Nunes potrebbe presentare un’accusa per diffamazione basata su un tweet che ha un collegamento ipertestuale ma non ha ripetuto la sostanza di un presunto articolo diffamatorio minaccia di capovolgere i principi legali di vecchia data che regolano la diffusione di notizie e informazioni nell’era di Internet, ” hanno scritto le testate giornalistiche nel brief.

“I collegamenti ipertestuali sono essenziali per la diffusione delle informazioni oggi”, hanno aggiunto, notando che i giornalisti sui social media “utilizzano i collegamenti ipertestuali per indirizzare i lettori al loro lavoro pubblicato e al lavoro pubblicato di altri e per interagire con il pubblico su tali rapporti”.

Il gruppo ha chiesto una nuova udienza del caso di Nunes contro Lizza. L’ufficio di Nunes non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Nella loro opinione il mese scorso, i giudici dell’8° Circuito hanno scritto che la denuncia di Nunes “afferma adeguatamente che Lizza intendeva raggiungere e effettivamente raggiunto un nuovo pubblico pubblicando un tweet su Nunes e un collegamento all’articolo”.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

“I fatti invocati sono abbastanza suggestivi da rendere plausibile che Lizza, a quel punto, si sia impegnata in ‘l’elusione intenzionale della verità'”, ha aggiunto.

A febbraio, un giudice federale ha respinto una causa per diffamazione Nunesfileda contro la CNN per quanto riguarda i resoconti sui suoi sforzi per dissotterrare adesso-Presidente Bidenper quanto riguarda i rapporti con l’Ucraina.

Alla fine dell’anno scorso, Nunes ha intentato una causa per diffamazione contro il Washington Postthrownout dopo aver citato in giudizio il Post per aver segnalato il funzionario dell’intelligence Shelby Pierson ha detto ai membri della House Intelligence Committee che la Russia aveva “sviluppato una preferenza” per l’exPresidente Trump.

Visualizza il thread di discussione.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *