Skip to content

Tejashwi Prasad Yadav strappa al governo NDA sulla salute del Bihar – Telegraph India

Tejashwi Prasad Yadav ha fatto irruzione nel governo dell’Alleanza Democratica Nazionale guidato dal primo ministro del Bihar Nitish Kumar domenica per la posizione di fondo dello stato nel paese nella valutazione del rapporto tra popolazione e letto d’ospedale di Niti Aayog e ha affermato che non era serio riguardo al benessere pubblico.

“Dov’è il Bihar nella classifica di Niti Aayog? È al numero uno dal basso. Quando gli viene chiesto il primo ministro Nitish Kumar, esprime la sua ignoranza. Ciò dimostra che il governo non è seriamente intenzionato a soddisfare i bisogni primari del persone”, ha detto il leader dell’opposizione all’Assemblea del Bihar.

Parlando a un conclave medico organizzato dalla cellula medica Rashtriya Janata Dal (RJD), Tejashwi ha aggiunto che il governo statale avrebbe potuto migliorare le infrastrutture sanitarie, il numero di medici e infermieri, tra le altre cose dopo la prima ondata di pandemia di coronavirus, ma non lo ha fatto mostrare qualsiasi urgenza.

“I ventilatori sono stati acquistati, ma non c’erano operatori che li gestissero negli ospedali. È stato solo uno spreco. Il Bihar è un fallimento in termini di governance”, ha affermato il leader dell’RJD.

Il Niti Aayog, giovedì, ha pubblicato un rapporto intitolato “Migliori pratiche nelle prestazioni degli ospedali distrettuali” nel paese.

Ha rivelato che il Bihar aveva solo sei letti d’ospedale per un lakh di popolazione contro le linee guida degli standard di salute pubblica indiani del 2012 per avere almeno 22 letti per un lakh di popolazione.

Ciò ha assicurato che il Bihar fosse in fondo tra tutti gli stati e i territori dell’Unione in questo senso. Puducherry era in cima con 222 posti letto per lakh di persone. La media nazionale in termini di posti letto d’ospedale era di 24 per lakh di popolazione.

Secondo il rapporto Niti Aayog, quasi tutti i 36 ospedali distrettuali del Bihar erano afflitti da una scarsità di medici, specialisti e infermieri.

Reagendo alle pessime prestazioni degli ospedali, Tejashwi ha sottolineato che il ministro della salute Mangal Pandey non stava rispondendo alle domande sulla questione.

“Sta correndo per evitare di rispondere alle domande sulla peggiore prestazione del Bihar nelle strutture sanitarie. In che modo una persona che fugge dalle domande porterà il nostro stato allo sviluppo. Queste persone non hanno la vista”, ha detto Tejashwi.

Infatti, quando sabato i giornalisti hanno chiesto a Nitish del basso rapporto tra letto d’ospedale e popolazione, lui ha detto: “Non lo so”.

Anche il ministro della Salute Pandey si è rifiutato di rispondere alle domande dei media ed è stato visto camminare a passo svelto per evitarle.

Nitish e Pandey hanno spesso parlato dell’ottimo lavoro svolto per migliorare le strutture sanitarie dello stato prima che il rapporto Niti Aayog li colpisse.

Nel frattempo, Janata Dal United (JDU) di Nitish ha reagito all’attacco di Tejashwi. Il suo vicepresidente statale e MLC Sanjay Singh ha chiesto ai medici di oggi di chiedere ai loro predecessori come hanno dovuto affrontare rapimenti per riscatto, estorsioni e omicidi durante il governo dei genitori di Tejashwi, Lalu Prasad e Rabri Devi.

“Molti medici sono emigrati dal Bihar in altri stati durante il regime di Lalu e Rabri. Tejashwi sta cercando di provocare medici e operatori sanitari contro il governo, che ha fornito strutture mediche di livello mondiale. Uno svenimento di Classe IX insegna ai medici”, ha aggiunto Sanjay.

Attualmente ci sono circa 12.000 ospedali governativi, centri sanitari nello stato, inclusi 36 ospedali distrettuali, 67 ospedali di riferimento, 54 ospedali suddivisi, 533 centri di salute pubblica (PHC), 9.949 sottocentri e 1393 PHC aggiuntivi.

Nonostante tali statistiche impressionanti, il Bihar è diventato famoso per il numero inadeguato di medici, la loro assenza dal servizio, la mancanza di ambulanze e carro funebre, cani che riposano sui letti d’ospedale, ristagno d’acqua all’interno di edifici ospedalieri, reparti e sale operatorie, comportamento scorretto tra medici, personale ospedaliero e il tipo di pazienti e viceversa, errori nei test, in particolare quelli relativi al Covid-19, mancanza di strutture per i test negli ospedali governativi, scarsa assistenza infermieristica e scarsità di farmaci nel recente passato.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *