Skip to content

“Returns of the Jedi” di Kleiner Perkins investirà in società in fase iniziale, anche quelle in “una galassia molto lontana”

Se dare nomi univoci alle operazioni fosse una competizione, Kleiner Perkins sarebbe l’MVP, come è evidente dall’ultimo progetto dell’azienda, “Returns of the Jedi”. L’annuncio, pieno fino all’orlo di riferimenti a Star Wars, è stato fatto per presentare al mondo l’ultima iniziativa dell’hedge fund, KP 19, un fondo di rischio da 700 milioni di dollari progettato per aiutare le startup in fase iniziale con capitali e risorse.

La società ha dichiarato di aver chiuso il fondo KP 19 e afferma che utilizzerà i 700 milioni di dollari raccolti per investire in startup che affrontano questioni come la sicurezza, l’identità digitale e il futuro del lavoro.

KP 19 è l’ultima aggiunta dell’azienda nella serie KP, dopo che il KP 18 è stato chiuso lo scorso anno con un importo totale di $ 600 milioni. L’ultima edizione era conosciuta come “ritorno al futuro” e non siamo sicuri se fosse ‘ritorno’ o meno, ma era decisamente ‘al futuro’. KP 18 è stato avviato in memoria di KP (il proprietario dell’hedge fund, da cui è stato intitolato), nel tentativo di onorare la memoria del venerato investitore. Il fondo ha visto uno spostamento dell’attenzione per l’azienda, che fino ad ora aveva investito in startup in fase avanzata. Invece, circa 30 delle 34 società che sono entrate a far parte del fondo KP 18 erano di serie A e seed stage.

KP 19 seguirà l’eredità del suo predecessore in quanto si rivolgerà alle startup in fase iniziale proprio come KP 18. La società è particolarmente entusiasta di investire in nuove società poiché crede di poter trovare un accordo migliore (e onestamente più avido) con loro. Il partner generale Ilya Fushman ha affermato: “Ricoprire un ruolo nel consiglio è ciò che ci piace fare”, rendendo ovvia la ragione per investire in società in fase iniziale poiché di solito offrono più seggi nel consiglio rispetto alle loro controparti consolidate.

Non è chiaro quanto bene stia facendo KP 18, ma il fatto che KP 19 sia una cosa indica in qualche modo che l’azienda non sta andando male con KP 18, per non dire altro. I piani sono di spendere i soldi in almeno 34-35 aziende, per diversificare gli investimenti in vari campi come consumatori, assistenza sanitaria, imprese, hardware, infrastrutture fintech, ecc.

È anche interessante notare che il fondo ha affermato che non sta cambiando molto tra i due fondi, KP 19 è solo la continuazione di KP 18, una seconda stagione se volete, e non una ristrutturazione.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *