Skip to content

Ragazze Indaco: Sorella Regina di Bellezza

Sorella Regina di Bellezza“>

Amy Ray ed Emily Saliers degli Indigo Girls si conoscono dai tempi della scuola elementare e suonano insieme da oltre 25 anni. Le loro canzoni sono sempre state piacevoli storie folk-country, e con il dodicesimo album in studio del duo, Sorella regina di bellezza, Indigo Girls continuano questa tendenza. Mentre l’album è più ballate country che la sensibilità indie a cui abbiamo attribuito la parola 渇olk, il talento dell’album regge contro i giovani e freschi atti archiviati oggi sotto il genere folk.

Sorella regina di bellezza si apre con una ballata folk tradizionale, completa di violini e melodie armonizzanti.淪hare the Moon è un’apertura morbida per un disco, ma stabilisce davvero il ritmo per il resto dell’album. Anche la frenetica Queen Sister si inserisce nel regno del suono del duo. Il loro classico sound country cerca di infondere qualcosa di nuovo, ma Ray e Saliers ricadono in ciò che è comodo per loro. Il loro sound ha funzionato così a lungo che il passaggio a un approccio più tradizionale è una progressione naturale per loro come duo.

淲ar Rugs è un elemento di spicco nell’album con un’atmosfera interessante che si distingue dal resto delle canzoni pur integrandosi con l’album nel suo insieme. Il ritmo è fuori luogo, ma in modo divertente. Sembra una traccia che doveva essere registrata da Neil Young, circa orse With No Name, ma che non ha mai visto la luce del giorno.

L’unico problema con l’approccio unificato a ogni canzone è che è difficile distinguere molte canzoni l’una dall’altra al primo ascolto. Sorella regina di bellezza soddisferà i fan che già amano Indigo Girls, ma la natura ripetitiva dell’album potrebbe avere difficoltà a portare nuovi ascoltatori. Questo è un peccato, perché le sottili differenze risaltano davvero nel riascoltare ogni traccia.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *