Skip to content

Oindrila Bala: da CL Block alla cucina di MasterChef India

Una ragazza di CL Block è arrivata tra le prime sette di MasterChef India, il concorso di cucina attualmente in onda su Star Plus nei fine settimana alle 21.30.

“Mi sono qualificata per lo spettacolo al mio terzo tentativo”, dice Oindrila Bala, che ha lasciato un lavoro comodo per seguire il suo sogno culinario. La consulente fiscale 35enne lavorava da nove anni in una società di revisione multinazionale quando ha presentato i suoi documenti nel gennaio 2019.

“Volevo competere in MasterChef. Nell’ultima stagione tre anni fa, non potevo procedere oltre i primi 60. Questa volta ero più fiducioso”, ha detto Oindrila al telefono da Mumbai, dove lo spettacolo è stato girato.

Quando lo spettacolo è stato posticipato, ha aperto la sua unità di panetteria a casa, chiamandola The Sweet Spot, ad aprile. “La risposta è stata buona. Ma ho dovuto chiudere una volta che lo spettacolo è stato annunciato a settembre”, ha ricordato.

L’audizione era in un college Behala con un piatto precotto. “Ci dovevano essere più di 400 partecipanti lì. La gente era venuta anche dal Madhya Pradesh. Avevo preparato una mousse al cioccolato che sembrava un fungo con un rotolo svizzero come gambo”.

Il round successivo è stato più vicino a casa, all’International Institute of Hotel Management nel Settore V. “Ci è stata lanciata una sfida con una scatola misteriosa e ci è stato chiesto di cucinare con tre dei sei ingredienti. Ho fatto una torta di zucca al cioccolato”.

Da novembre, Oindrila è in campeggio a Mumbai, uno dei quattro ad essersi qualificato per il round di Calcutta. “Ma io sono l’unico della città.”

Battesimo di fuoco

Era entrata in cucina con l’intento di cucinare all’età di quattro anni. Alle otto stava preparando involtini di uova e torte. “A quei tempi non c’erano YouTube o programmi gastronomici oltre a Khana Khazana in TV. Dipendevo interamente dai libri di cucina”, ha ricordato. I parenti, in particolare sua madre, sapevano cosa ricevere per il suo regalo di compleanno. “Ancora adesso amo cucinare seguendo le ricette dei libri di cucina.”

Nonostante la sua propensione per la cucina, ha dovuto percorrere il percorso tradizionale poiché suo padre non era convinto della cucina come scelta di carriera. “Quando avevo 16 o 17 anni, ho espresso il mio desiderio e mio padre ha accettato di aprire una pizzeria per me. Ma vedendomi all’università di alto livello ha puntato i piedi. Su sua insistenza, ho continuato a fare il dottore commercialista”.

Cibo vivo

La vita sui set è dura. “A volte i nostri orari di chiamata sono già alle 5 del mattino. Si potrebbe pensare che non ci sia molto da fare per un episodio di 45 minuti, ma non è vero. Quando non cuciniamo, si svolgono le riprese in background. Le riprese possono continuare fino alle 3 o 4. Ma è molto gratificante alla fine della giornata”, ha insistito.

La ricompensa più grande, secondo lei, è l’esposizione. “Non intendo la fama, ma le intuizioni che stiamo acquisendo dai giudici. Anche nel nostro tempo libero, viviamo, respiriamo, parliamo e mangiamo cibo”.

L’ultima attività ha avuto il suo effetto. Oindrila ha messo su due chili. “Chiedo ai giudici come fanno a rimanere magri. Hanno una vita più folle. Ranveer Brar mi ha detto che si allena in hotel nei giorni in cui non può uscire. Ma non abbiamo imparato come affrontarlo”.

Oindrila ha giocato bene la sua carta da forno. Il suo momento migliore è stato quando ha ricevuto il grembiule. “Dopo il primo turno di selezione, eravamo rimasti in 11 in lizza con cinque grembiuli rimasti da regalare. Nel secondo turno, hanno assaggiato il mio Curry Pata Sapta e me ne hanno consegnato uno senza aspettare di assaggiare i piatti degli altri! Vineet Bhatia esclamò: ‘Wah ji wah’. È stato enorme”.

Nell’ultimo round, invitata a fare un dolce con il sale, ha preparato il Pulipithe di mezzogiorno. “Sono arrivato secondo in quel round, a soli 0,5 punti dal topper che è entrato nella zona sicura. Abbiamo dovuto pensare a cosa cucinare sul posto. È estremamente competitivo qui”.

Oindrila sottolinea che conserva un tocco di Bangaliyana in tutto ciò che cucina. “Mia madre è il mio guru. I suoi piatti bengalesi sono fantastici anche se insiste sul fatto che ho un vantaggio in altre cucine. Ma tutto quello che so l’ho imparato da lei. Mi ha anche lasciato armeggiare in cucina senza preoccuparmi della fiamma aperta. ”

È consapevole che un’altra ragazza di Salt Lake Kirti Bhoutika aveva portato a casa il titolo di MasterChef India nella stagione 5. “L’avevo incontrata alle audizioni l’ultima volta ed ero molto felice quando ha vinto. Farò del mio meglio per seguire i suoi passi, ” lei disse.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *