Skip to content

New York City annuncia la Task Force per trovare i pregiudizi negli algoritmi

Il sindaco di New York, Bill De Blasio, ha annunciato oggi che una task force deve indagare su come i comuni utilizzano gli algoritmi per prendere decisioni. L’ufficio del sindaco lo ha definito “il primo del suo genere negli Stati Uniti” e ha affermato che la Task Force voleva produrre un rapporto nel dicembre 2019.

In particolare, la nuova task force indaga sugli algoritmi di apprendimento automatico utilizzando il dipartimento di polizia di New York, il dipartimento dei trasporti, l’ufficio di giustizia penale del sindaco, l’amministrazione dei servizi per l’infanzia, il ministero dell’istruzione e i servizi sociali. Svilupperà un processo per determinare se i sistemi automatizzati sono “giusti”, “equi” e “responsabili”. Mostrerà anche modi per rendere più trasparenti le decisioni degli algoritmi.

La creazione della Task Force gli è stata commissionata da una legge comunale del 201

“Poiché i dati e la tecnologia diventano più centrali per il lavoro del governo cittadino, le decisioni sugli aiuti devono essere allineate con i nostri obiettivi e valori”, ha affermato il sindaco de Blasio. “La creazione della task force sui sistemi decisionali automatizzati è un primo passo importante verso una maggiore trasparenza ed equità nell’uso della tecnologia”.

Il gruppo di lavoro è guidato da Emily Newman, vicedirettore dell’ufficio operativo del sindaco, Brittny Saunders, vice commissario per le iniziative strategiche presso la Commissione per i diritti umani. La base è ancora in movimento, ma la città afferma che “comprenderà rappresentanti di una varietà di settori, inclusi individui di ambienti accademici e legali, esperti di dati e tecnologia, leader di organizzazioni non profit e di think tank”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *