Skip to content

Mal di gola, decodificato

Il tempo è cambiato in tutta l’India con le piogge e le conseguenti inondazioni. Ha anche inaugurato la stagione del “mal di gola”, con frequenti lamentele di fastidio alla gola, sensazione di prurito, bruciore, difficoltà a deglutire e dolore. In alcune persone, questo può essere accompagnato da tosse e febbre.

Sebbene le persone la pensino diversamente, solo il 10% del mal di gola è in realtà dovuto a infezioni. Molti sono dovuti a virus in particolare adeno e altri virus che causano il comune raffreddore, la mononucleosi infettiva, il morbillo e la varicella. Un altro 10% potrebbe essere dovuto a batteri, in particolare streptococchi. Queste statistiche non dissuadono le persone dall’assumere antibiotici appropriati o inappropriati. Riescono a ottenerli con una prescrizione o semplicemente ad acquistarli al banco (OTC).

Il mal di gola causato da infezioni virali è solitamente accompagnato da naso che cola, febbre lieve, mal di corpo e tosse. Potrebbe essere parte dell’influenza. L’infezione batterica produce febbre di alto grado, le tonsille possono essere ingrossate, si possono vedere sacche gialle di pus nelle tonsille e si possono sentire chiaramente i linfonodi del collo.

Le allergie causano irritazione, sensazione di prurito e, a volte, difficoltà di deglutizione e dolore. Non c’è febbre. Può essere dovuto a pollini, peli di scarafaggi o acari, deodoranti per ambienti, repellenti per zanzare, esposizione al fumo di sigaretta (attivo o passivo), polvere o gas di scarico dei veicoli. Questo non è sporadico o stagionale ma abbastanza costante tutto l’anno.

A volte, le persone possono sviluppare reflusso acido. Questo è comune se le persone sono in sovrappeso o si sdraiano troppo presto dopo aver mangiato. L’acido e il cibo rigurgitano nell’esofago e provocano un sapore aspro e una sensazione di bruciore alla gola.

Alcune persone hanno un setto nasale deviato, polipi, adenoidi o tonsille. Tutti questi causano il blocco del naso. La persona è costretta a respirare attraverso la bocca, soprattutto di notte. Ciò può provocare una gola cronicamente infiammata e dolorosa.

Le tonsille si trovano su entrambi i lati della gola. Appaiono grandi nei bambini e possono causare attacchi ricorrenti di tonsillite, con febbre, dolore, gonfiore, difficoltà a deglutire e voce rauca. Si è spesso tentati di prendere in considerazione la tonsillectomia, ma le tonsille hanno una funzione protettiva. Aiutano a localizzare l’infezione alla gola e impediscono che si diffonda nei polmoni. La tonsillectomia, con o senza adenoidectomia, non deve essere presa alla leggera. È indicato se si verificano più di cinque o sette attacchi di tonsillite all’anno, apnea ostruttiva del sonno, infezioni ricorrenti dell’orecchio e disturbi del linguaggio.

Capire la causa di un mal di gola e rimuovere la provocazione è il modo migliore per affrontarlo. Fare gargarismi due volte al giorno con acqua calda salata allevierà il dolore, così come blandi analgesici come l’ibuprofene e il paracetamolo. Le pastiglie per la gola sono utili. Le inalazioni di vapore riducono la congestione nasale. Gargarismi e inalazioni devono essere eseguiti due volte al giorno come misure preventive. Raggiungere il peso corporeo ideale, evitare pasti abbondanti, non sdraiarsi subito dopo aver mangiato e assumere i farmaci prescritti può curare il reflusso acido. Il fumo e l’alcol aggravano il dolore alla gola per qualsiasi causa.

Prendere il vaccino antinfluenzale ogni anno può prevenire l’influenza.

L’infezione batterica della gola viene diagnosticata prendendo dei tamponi faringogeni e coltivandoli. L’infezione da streptococco non trattata può causare cardiopatie reumatiche e glomerulonefrite post-streptococcica (malattia renale).

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *