Skip to content

L’anarchia comica di The Emperor’s New Groove fa eco alla sua produzione selvaggia 20 anni dopo

The Sweatbox al sole: The Emperor’s New Groove‘s Trouble Production and Anarchic Fun, 20 anni dopo”>

20 anni fa questo mese, la Walt Disney Pictures è caduta Il nuovo solco dell’imperatore nei teatri. A quel tempo, questa storia di un odioso ed egocentrico imperatore Inca di nome Kuzco (doppiato da David Spade, ovviamente) che vive un’avventura selvaggia ma umiliante quando viene trasformato in un lama e cacciato dal suo regno era visto come qualcosa di molto raro per la Fabbrica dei topi: un film d’animazione immerso nel caos comico. Certo, potresti dire che la Disney è saltata con successo sul treno pazzo con Aladino. Ma la stravaganza in quel film è diminuita solo ogni volta che si è fatto vivo il genio maniacale di Robin Williams. Direttamente da Jump Street, tutto su Scanalatura sono solo noci da parete a parete. Ma non è stato sempre.

Fino a Scanalaturala Disney aveva una reputazione rispettabile per aver inventato cartoni animati di dimensioni epiche, pieni di numeri musicali in stile Broadway e spesso intrecciati con sincerità schietta. Scanalatura doveva essere così, quando era il suo nome originale Regno del Sole. All’inizio, il film era originariamente una rivisitazione di Il principe e il poverocon l’imperatore di Spade originariamente chiamato Manco che cambia posto con l’umile contadino Pacha (Owen Wilson) prima che l’imperatore si trasformi in un lama da Yzma (Eartha Kitt), una maga intrigante che escogita anche un piano per sbarazzarsi del sole.

Come puoi dire, Regno aveva molto da fare nella sua trama. (Non sono nemmeno arrivato al quadrilatero amoroso che accade tra Manco, Pacha e due personaggi femminili.) Per non parlare del fatto che aveva anche canzoni co-composte da Sting, pronte e in attesa di essere collocate al momento giusto. Sì, è stato designato per essere un altro dei mastodontici e mostruosi successi della Disney, fino a quando la Disney non ha iniziato a capire come trasformare tutto questo in un film coeso.

Questa travagliata storia di produzione può essere vista in La scatola del sudoreun documentario del 2002 che racconta il fallito making of Regno e come è passato Scanalatura. Diretto da Trudie Styler (la moglie di Sting, che ha avuto modo di fare il film come parte del suo accordo), il documentario mostra come il regista originale Roger Allers (Il Re Leone) voleva fare un film su larga scala sulla cultura Inca, portando persino la troupe di produzione a Machu Picchu per studiare artefatti e architettura Inca. Ma quando Allers e altri animatori hanno iniziato a lavorare al film, mostrando infine filmati con storyboard che hanno assemblato ai dirigenti nella sala di proiezione dello studio (soprannominata 淭 the Sweatbox per non avere l’aria condizionata), presto avrebbero dovuto cavarsela con non così- entusiasta Disney su cosa ha funzionato e cosa no.

Molto è stato buttato fuori durante la produzione, che ha occupato la maggior parte degli anni ’90. Un giovane Pacha è stato sostituito da un vecchio Pacha padre di famiglia doppiato ora da John Goodman e il film si è trasformato in una commedia di amici. La sottotrama di Yzma ruba il sole è stata scartata ed è stata sostituita con lei che voleva solo conquistare il regno di Kuzco con il suo fattorino ottuso Kronk (Patrick Warburton). Il compositore veterano Marc Shaiman è stato chiamato per la colonna sonora del film, ma è stato presto sostituito da qualcun altro. Le precedenti canzoni di Sting erano state bocciate e ha dovuto lavorare su nuove canzoni, inclusa una che è stata eseguita da Tom Jones.

Si è arrivati ​​al punto in cui Allers è stato estromesso dalla produzione e dal co-regista Mark Dindal (I gatti non ballano), che è stato coinvolto per rendere le cose più comiche, ha preso le redini.

sudore non è mai stato rilasciato ufficialmente, anche se c’è una versione preliminare su YouTube. Dà uno sguardo all’interno di come i film Disney siano per lo più realizzati da un comitato, spesso cesellando personaggi e sottotrame e, occasionalmente, rimettendo in gioco quegli stessi personaggi e sottotrame fino a ottenere qualcosa che assomigli a un film per tutta la famiglia.

Il film è diventato una folle corsa per gli animatori Disney, il che spiega perché il film stesso è diventato ugualmente anarchico. Come Regno diventato Scanalatura, il film ha iniziato a caricarsi di gag stravaganti, meta battute che rompono il quarto muro e un insolito senso di follia imprevedibile. Il film prende di più da Chuck Jones e dai folli piantagrane che hanno realizzato gli iconici cartoni animati di Looney Tunes per la Warner Bros. in passato che da qualsiasi cosa legata alla Disney. Anche se gli animatori hanno minimizzato l’influenza dei Looney Tunes (sul commento del DVD per Scanalatura, un animatore discute di come abbia basato un personaggio minore esasperato dopo i burattini che vedevi regolarmente nei cartoni di Chuck Jones), chiunque abbia una storia di Bugs Bunny sa che è lì. C’è una sequenza in cui i bambini ribelli di Pacha inviano scherzosamente un Yzma ficcanaso che sembra praticamente un omaggio a quando Bugs Bunny ha abbattuto un toro nel cortometraggio animato 淏ully for Bugs.滭/p>

Nonostante abbia ottenuto buone recensioni (Stephen Holden del New York Times l’ha definito 渁 un tempestivo promemoria che i film d’animazione non devono essere grandiosi circhi visivi con colonne sonore complete di Broadway per intrattenere?, Scanalatura non l’ha esattamente rastrellato quando è stato rilasciato per la prima volta. Nel suo weekend di apertura, si è piazzato quarto dietro Cosa vogliono le donne, Amico, dov’è la mia macchina? e Come il Grinch rubo ‘il Natale. Inoltre, il pubblico delle famiglie era ancora affollato 102 dalmati, un altro film Disney uscito in quel periodo. Alla fine, i 100 milioni di dollari Scanalatura ha finito per incassare 169 milioni di dollari non un totale fallimento, ma non era ancora così massiccio come i precedenti film d’animazione Disney.

Scanalatura alla fine è diventato il preferito di un bambino (è stata la versione home video più venduta del 2001), generando persino una serie animata (La nuova scuola dell’imperatore) e un sequel diretto al video (Il nuovo groove di Kronk). Ma anche se è uno degli ultimi film d’animazione in 2D disegnati a mano che la Disney ha rilasciato prima che iniziassero a seguire il modello di business della Pixar e ad essere tutti animati al computer, le persone dimenticano quanto sia diventato influente questo filo folle. Scanalatura praticamente ha inaugurato tutte le commedie animate stravaganti che sono diventate comuni nei multiplex negli ultimi due decenni. La maggior parte di ciò che DreamWorks Animation ha lasciato per i bambini nel corso degli anni sembra che possa essere ricondotto a questo film, in cui un gruppo di animatori Disney ha alzato le mani e ha realizzato un film folle che hanno avuto un tempo folle concependo. Il nuovo solco dell’imperatore può essere riprodotto in streaming su Disney+.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *