Skip to content

La startup di veicoli elettrici BasiGo debutta a Nairobi dopo un finanziamento pre-seed di 1 milione di dollari – TechCrunch

La startup prevede di vendere autobus elettrici assemblati localmente con parti del produttore cinese di veicoli elettrici BYD Automotive, ha affermato la società quando ha annunciato di aver raccolto $ 1 milione di finanziamenti preliminari. BasiGo ha anche annunciato che i suoi autobus saranno disponibili con capacità da 25 e 36 posti con un’autonomia di circa 250 chilometri, che sostiene sia sufficiente per coprire i viaggi giornalieri di andata e ritorno.

Dopo essersi stabilita in Kenya, l’azienda prevede di aprire ulteriori mercati nella regione dell’Africa orientale. BasiGo è sostenuto da numerosi investitori, tra cui Climate Capital, una società di venture capital della Silicon Valley, e Third Derivative, un acceleratore focalizzato sulla tecnologia climatica

“Gli autobus alimentati a diesel sono da anni l’unica soluzione praticabile per le compagnie di autobus in Kenya. Siamo lieti di offrire una nuova opzione per gli operatori del trasporto pubblico: autobus elettrici all’avanguardia, più convenienti, più affidabili e che ridurre l’onere per gli operatori di autobus dall’aumento del costo del carburante diesel “, ha affermato Jit Bhattacharya, CEO e co-fondatore di BasiGo.

A causa degli elevati costi di acquisizione, BasiGo prevede di introdurre un modello di finanziamento che consenta ai propri clienti di acquistare i propri autobus EV al prezzo dei loro equivalenti diesel e di compensare l’importo rimanente tramite canoni di abbonamento basati sull’utilizzo. BasiGo afferma che inizieranno il programma pilota dopo l’arrivo del primo autobus nel corso dell’anno.

“Il costo della tecnologia degli autobus elettrici è diminuito drasticamente negli ultimi 1

Bhattacharya non è un nuovo arrivato nel campo dei veicoli elettrici ed è il leader tecnologico nelle batterie ricaricabili (ioni di litio) da oltre 12 anni. Durante la sua carriera ha lavorato come CEO di Mission Motors nella Silicon Valley ed è stato anche senior manager presso Progetto Titano – Il progetto segreto di un’auto elettrica di Apple Inc.. Più recentemente, è stato Chief Technology Officer di Fenix ​​嬧€婭nternational, una società di sistemi solari domestici off-grid acquisita dalla multinazionale francese ENGIE nel 2018.

L’altro fondatore di BasiGo, Jonathan Green, ha aiutato le aziende a portare le tecnologie di energia rinnovabile agli utenti in Africa negli ultimi 15 anni. Più di recente, è stato Direttore Strategia e Operazioni presso Fenix ​​International, dove ha guidato la consegna di oltre 500.000 sistemi solari a consumo a clienti in sei mercati africani.

Il piano dell’azienda di immettere sul mercato gli autobus elettrici in Kenya segue l’aumento delle offerte per l’introduzione di energia pulita nei trasporti pubblici. Le compagnie di taxi su richiesta come Bolt e Uber hanno già introdotto opzioni per i veicoli elettrici mentre si allontanano lentamente dai veicoli che utilizzano combustibili fossili, che sono sempre più legati all’inquinamento atmosferico.

Un progetto in tempo reale da IQAir, una società di tecnologia per la qualità dell’aria con sede in Svizzera, mostra che veicoli e motocicli sono le principali fonti di inquinamento atmosferico a Nairobi. Secondo IQAir, La concentrazione di PM2,5 (sostanze inalabili fini) nell’aria di Nairobi è attualmente 1,3 volte superiore al benchmark annuale dell’OMS per la qualità dell’aria.

In generale, l’OMS stima che almeno 18.000 kenioti vengano uccisi ogni anno a causa dell’inquinamento atmosferico. Altri ricercatori confermano che il passaggio ai veicoli elettrici potrebbe aiutare ad alleviare la situazione in tutta l’Africa.

il Rapporto sulla sostenibilità della Natura di SSA afferma che il passaggio all’energia elettrica porta una serie di vantaggi ai paesi dell’Africa subsahariana, tra cui trasporti a prezzi accessibili e una riduzione delle emissioni, con i veicoli fossili che rappresentano il 12% delle emissioni totali della regione.

E mentre le opportunità per la mobilità elettrica sono ancora enormi, la maggior parte dei paesi africani non dispone delle infrastrutture necessarie per supportarne l’introduzione. Secondo a. in molti paesi africani continua l’introduzione delle opzioni di trasporto elettrico UNEP rapporto.

Il COO di BasiGo, Alex Mwaura, ha affermato che utilizzerà le risorse di energia rinnovabile del Paese per aumentare il trasporto pubblico.

“Il Kenya è unico in quanto abbiamo un surplus di energia rinnovabile che il settore dei trasporti pubblici può utilizzare per renderlo più sostenibile in futuro. Il settore dei trasporti di Nairobi si sta sviluppando a un ritmo rapido e non vediamo l’ora di lavorare con il governo e le agenzie competenti ampliare le infrastrutture per il trasporto pubblico elettrificato”.

Anche il produttore di veicoli elettrici Opibus e NopeaRide, la prima compagnia di taxi completamente elettrici del Kenya, che stanno installando stazioni di ricarica in tutta Nairobi, stanno lavorando per colmare il divario infrastrutturale.

Opibus è la prima azienda in Kenya a commercializzare veicoli diesel e benzina a prova di futuro convertendoli in elettrici. Le conversioni della compagnia sono apprezzate dai tour operator che le preferiscono ai safari a causa della loro natura tranquilla.

NopeaRide di recente ricevuto finanziamenti da EEP Africa, una struttura finanziaria in fase iniziale per l’energia pulita nell’Africa meridionale e orientale, per costruire ulteriori hub di ricarica solare a Nairobi, consentendo all’azienda di espandere il proprio raggio di servizio.

Altre società emergenti di veicoli elettrici in Kenya includono il produttore di motociclette elettriche Kiri Electric e Drive Electric, che noleggia veicoli elettrici e installa stazioni di ricarica e fornisce consulenza sulla mobilità elettrica.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *