Skip to content

La NASA lancerà finalmente il James Webb Space Telescope il 18 dicembre

Il telescopio spaziale James Webb della NASA, a lungo ritardato, sta per entrare in funzione. L’agenzia ora prevede di lanciare il telescopio il 18 dicembre 2021, pochi mesi dopo il completamento dei test alla fine di agosto. L’hardware entrerà in orbita a bordo di un razzo Ariane 5 fornito dall’ESA in decollo dalla Guyana francese. La NASA deve ancora inviare il telescopio sulla rampa di lancio, anche se la maggior parte del razzo è già arrivata.

Il JWST è stato considerato completato nel 2016 prima del suo lancio previsto nel 2016, ma ha dovuto affrontare una serie di ritardi a causa della sua intricata costruzione. Non è stato assemblato fino al 2019 e fattori come la pandemia di COVID-19 hanno continuato a ostacolare gli sforzi della NASA. quello non

L’importanza del telescopio non è cambiata. È considerato il successore del telescopio spaziale Hubble. Contiene uno specchio molto più grande, oltre a concentrarsi su osservazioni a frequenza più bassa (specialmente nel medio infrarosso) che lo aiutano a individuare le prime galassie che nemmeno Hubble riesce a trovare. Questa priorità aiuta anche a spiegare alcune delle sue sfide tecniche. Gli strumenti del JWST devono rimanere estremamente freddi (-370F) per evitare interferenze con le misurazioni a infrarossi, che richiedono sia una grande visiera parasole che un’introduzione vicino a un punto di Lagrange Sole-Terra.

La missione sarà relativamente breve. Poiché il JWST richiede il propellente per mantenere l’orbita, non può durare indefinitamente come un telescopio in orbita attorno alla Terra. La NASA considererebbe “nominale” una durata di vita di cinque anni, anche se spera in 10 anni.

Tutto lo sforzo potrebbe essere ripagato. Lo scopo del JWST non è solo quello di gettare più luce sull’universo primordiale, ma anche di aiutare gli astronomi e gli astrofisici a colmare le lacune nello studio per le quali Hubble era insufficiente. Le onde infrarosse hanno maggiori probabilità di penetrare nella polvere cosmica e sono la radiazione primaria proveniente da corpi celesti più freddi come nane brune e pianeti. C’è una possibilità molto concreta che il JWST aiuti a risolvere una serie di misteri cosmici durante la sua breve durata.

Tutti i prodotti consigliati da Engadget sono selezionati dal nostro team editoriale indipendentemente dalla nostra società madre. Alcune delle nostre storie contengono link di affiliazione. Se acquisti qualcosa tramite uno di questi link, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *