Skip to content

La maggioranza sostiene l’intervento delle truppe americane se gli alleati prendono di mira: sondaggio

La maggioranza degli americani sostiene l’intervento delle truppe statunitensi se gli alleati vengono attaccati, secondo un sondaggio dal Chicago Council on Global Affairs.

Dal 2019, il sondaggio ha rilevato che oltre il 50% degli americani sostiene l’intervento delle truppe se la Corea del Nord attacca la Corea del Sud, se la Cina attacca Taiwan, se Israele è stato attaccato o se la Russia ha attaccato un alleato della NATO.

Con le tensioni tra Taiwan e Cina al punto più alto degli ultimi 40 anni, secondo Ministro della Difesa di Taiwan, il 52% degli americani sosterrebbe l’intervento delle truppe se la Cina invadesse.

ANNUNCIO

Solo il 41 percento ha detto la stessa cosa nel 2019.

Il sostegno degli americani all’intervento delle truppe è più alto, al 63 per cento, se la Corea del Nord dovesse mai attaccare la Corea del Sud, dove gli Stati Uniti hanno quasi 30.000 membri del servizio di stanza.

Il sostegno della maggioranza all’intervento delle truppe tra la Corea del Nord e la Corea del Sud è prevalente dal 2017.

C’è il 53% di sostegno all’intervento degli Stati Uniti se Israele fosse stato attaccato, il che è stato coerente dal 2015.

Il sostegno a un alleato della NATO in caso di invasione della Russia è al 59%, con una maggioranza che sostiene l’ipotetica mossa dal 2017.

Meno Israele, il sostegno all’intervento degli Stati Uniti in questi paesi è aumentato di almeno 14 punti dal 2015.

L’indagine è stata condotta tra il 7 e il 26 luglio con 2.086 adulti. Il margine di errore era di più o meno 2,33 punti percentuali.

Visualizza il thread di discussione.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *