Skip to content

La Ford Mustang Mach 1 torna dopo 17 anni in edizione limitata

Menzionare il nome “Mustang” e di solito seguono le parole “GT” o “Shelby”. Quello che molti non sanno, tuttavia, è che queste pony car condividevano le stalle con un altro compagno di stanza altrettanto potente.

La prima generazione del pacchetto di prestazioni Mach 1 da 250 CV è stata introdotta nel 1969 per attirare un pubblico più giovane in mezzo alla crescente concorrenza della popolare Chevrolet Camaro di GM e della Pontiac Firebird, e ha colmato il divario tra la Mustang standard e la Shelby orientata alle prestazioni estreme. Si è rivelato così popolare che ha venduto più del modello GT e in seguito lo ha eliminato completamente dall’elenco quello stesso anno. Tuttavia, la quarta generazione del Mach 1 dal 2003 al 2004 è stata anche l’ultima.

Ma una pausa di 17 anni è troppo lunga per un’auto così iconica e Ford sa che i fan sono più che pronti a vedere questa pony in azione. Il che ci porta alla Mustang Mach 1 del 2021, un veicolo di cui Ford afferma che è “la Mustang da 5,0 litri più adatta alla pista di sempre”. Questa è un’ottima notizia per gli appassionati più accaniti, visto che la Mustang rimane ancora una delle auto sportive più vendute al mondo anche dopo 56 anni.

Non ci aspettavamo niente di meno da un’auto il cui nome connota il volo supersonico, ma mentre non può rompere la velocità del suono, i suoi numeri sono ancora spaventosamente veloci. Ha un V8 da 5,0 litri più potente che eroga 480 CV e 569 Nm di coppia, le stesse cifre della Bullitt ispirata a Steve McQueen e viene fornita di serie con il cambio manuale a sei marce della Shelby GT350. Coloro che sono disposti a rifiutare lo stesso cambio a bilia bianco avorio che è nel Bullitt possono scegliere di specificare il proprio con levette del cambio e una trasmissione automatica a 10 velocità.

Sebbene non ci siano ancora tempi ufficiali, l’auto dovrebbe raggiungere meno di cinque secondi con uno sprint da 0 a 100 km/h e corrispondere o superare la velocità massima di 262 km/h della Bullitt. Altre finiture prese in prestito dalla Shelby GT500 includono il sistema di raffreddamento dell’asse posteriore e i diffusori posteriori, mentre i quattro nuovi terminali di scarico da 4,5 pollici che sporgono dalla parte posteriore suggeriscono che questa non è un’auto con cui scherzare.

Riprendere lo stile aggressivo di Mach 1 è stato fondamentale per offrire la stessa esperienza da far rizzare i capelli ai fan, solo che questa volta con un tocco contemporaneo. La nuova griglia in rete 3D profonda, la sezione con il naso di squalo e gli elementi delle luci finte si rifanno alla Mach 1 di prima generazione. Le nuove griglie laterali si trovano sotto gli indicatori di direzione, mentre gli accenti neri e poco lucidi non solo mettono in risalto l’audace e muscoloso modello del modello. patrimonio, ma conferisce anche un aspetto premium all’auto orientata alle prestazioni.

Vernice elegante a parte, l’auto ha anche un’aerodinamica intelligente da ringraziare per il suo aspetto aggressivo e le capacità in pista. Uno splitter anteriore ottimizzato funziona con lo spoiler posteriore abbinato per creare un equilibrio di sollevamento ideale, creando fino al 22% in più di deportanza rispetto a una Mustang GT dotata di Performance Pack di livello 1. Opta per il pacchetto Handling su questo e quel numero salta a 150 per cento.

La Mach 1 standard girerà su ruote in alluminio a cinque razze da 19 pollici verniciate Tarnished Dark per la massima credibilità stradale principalmente perché ricordano le classiche ruote in stile Magnum 500 dei vecchi Mach 1. Un pacchetto di aspetto in Fighter Jet Grey e tonnellate di accenti arancioni possono anche essere acquistati a un costo aggiuntivo, ma qual è il punto di una macchina pony se non puoi essere appariscente con essa?

Ford non ha ancora annunciato i prezzi o quanti di questi saranno prodotti, ma ha promesso che saranno disponibili presso i concessionari nella primavera del 2021. Per quanto riguarda le icone, la Mach 1 è una di quelle Mustang che sono sempre state associate a audaci stile e maneggevolezza superba. Basta chiedere a James Bond di Sean Connery, che ruggiva per le strade di Las Vegas nel “pony express” mentre sfuggiva alla polizia a I diamanti sono per sempre.

www.regentmotors.com.sg

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *