Skip to content

La Corte Suprema peserà se gli AG repubblicani possono difendere il governo sull’immigrazione dell’era Trump

La Corte Suprema venerdì ha deciso di valutare se un gruppo di procuratori generali repubblicani può intervenire per difendere una regola sull’immigrazione dell’era Trump che l’amministrazione Biden ha abbandonato.

Il caso riguarda uno sforzo del procuratore generale dell’Arizona Mark Brnovich (R) e molti altri per far rivivere l’ex Presidente TrumpDonald TrumpOn The Money Biden mette in guardia l’industria petrolifera The Memo: Gosar censurato, ma la cultura tossica cresce Il team MLB di Cleveland ha ufficialmente cambiato nome in Guardians venerdì ALTROregola della “pubblica carica”.

L’amministrazione Biden a marzo ha formalmente revocato la norma, che ha inasprito le restrizioni sugli immigrati più poveri in cerca di residenza negli Stati Uniti. E in netta rottura con la posizione legale dell’amministrazione Trump, il Dipartimento di Giustizia di Biden ha rifiutato di difendere la regola in tribunale.

ANNUNCIO

A giugno, Brnovich e i procuratori generali repubblicani di una dozzina di stati, dall’Alabama al Missouri al Texas, hanno chiesto alla Corte Suprema di rivedere una sentenza della corte d’appello inferiore che negava agli stati la possibilità di far avanzare la posizione legale dell’amministrazione Trump.

I giudici in un’ordinanza non firmata venerdì hanno deciso di valutare se gli stati interessati “dovrebbero essere autorizzati a intervenire per difendere una regola quando gli Stati Uniti smetteranno di difenderla”.

Il caso non tratta direttamente della legittimità della norma sull’addebito pubblico o se l’amministrazione Biden abbia seguito la procedura corretta per revocarla e le discussioni orali non sono ancora state programmate.

Promulgata nel 2019, la norma di Trump sugli oneri pubblici ha imposto requisiti finanziari più severi agli aspiranti immigrati negli Stati Uniti. La norma ha ordinato alle autorità federali per l’immigrazione di rifiutare le carte verdi e i visti ai richiedenti che avrebbero potuto dipendere dagli aiuti pubblici e ha ampliato l’universo degli immigrati che rientrava in quella categoria.

La politica ha innescato una serie di sfide legali che erano in varie fasi del contenzioso quando Biden ha preso la Casa Bianca dopo essersi impegnato a revocare la posizione dura dell’immigrazione di Trump se eletto.

Dopo che l’amministrazione Biden ha chiarito che non avrebbe difeso la regola espansiva dell’accusa pubblica di Trump, una dozzina di procuratori generali dello stato del GOP si sono fatti avanti nel tentativo di farlo.

Visualizza il thread di discussione.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *