Skip to content

La Banca Mondiale sospende gli aiuti all’Afghanistan dopo l’acquisizione del potere dei talebani

La Banca Mondiale mercoledì ha annunciato che sospenderà gli aiuti all’Afghanistan dopo l’acquisizione del paese da parte dei talebani all’inizio di questo mese.

“Siamo profondamente preoccupati per la situazione in Afghanistan e per l’impatto sulle prospettive di sviluppo del Paese, in particolare per le donne”, ha affermato un portavoce della Banca mondiale in una nota.

“Abbiamo sospeso gli esborsi nelle nostre operazioni in Afghanistan e stiamo monitorando e valutando da vicino la situazione in linea con le nostre politiche e procedure interne. Nel farlo, continueremo a consultarci strettamente con la comunità internazionale e i partner per lo sviluppo”, hanno aggiunto. . “Insieme ai nostri partner stiamo esplorando i modi in cui possiamo rimanere impegnati per preservare i guadagni di sviluppo conquistati a fatica e continuare a sostenere il popolo dell’Afghanistan”.

ANNUNCIO

Numerose entità in tutto il mondo si sono mosse per tagliare i fondi all’Afghanistan da quando i talebani sono diventati de facto il potere dominante nel paese, con la comunità internazionale ancora poco chiara sul riconoscimento di ciò che i talebani hanno dichiarato essere l’emirato islamico dell’Afghanistan.

Rappresentante. Andy BarrAndy BarrIl FMI ha perso la strada I repubblicani fanno pressione sull’amministrazione Biden per mantenere le sanzioni contro i talebani La Banca mondiale sospende gli aiuti all’Afghanistan dopo l’acquisizione del potere dei talebani ALTRO (R-Ky.), membro di grado della sottocommissione per la sicurezza nazionale della Camera dei servizi finanziari, ha presentato mercoledì un disegno di legge volto a impedire ai talebani di accedere al Fondo monetario internazionale (FMI).

La scorsa settimana, il FMI ha annunciato che avrebbe interrotto l’accesso alle risorse dell’Afghanistan a causa della “mancanza di chiarezza” nel riconoscere il governo del paese.

“Come sempre, il FMI è guidato dalle opinioni della comunità internazionale”, ha affermato un portavoce del FMI. “C’è attualmente una mancanza di chiarezza all’interno della comunità internazionale per quanto riguarda il riconoscimento di un governo in Afghanistan, a causa della quale il Paese non può accedere[Special Drawing Rights]o altre risorse del FMI”.

È stato anche riferito all’inizio di questo mese che l’amministrazione Biden si era mossa per congelare miliardi di dollari di riserve afghane detenute in conti bancari statunitensi.

In una dichiarazione a The Hill, Barr ha affermato che le azioni dell’amministrazione Biden sono state una buona idea, ma ha affermato che è necessario fare di più.

“La decisione dell’amministrazione di trattenere 450 milioni di dollari [Special Drawing Rights] è un inizio, ma non risolve la preoccupazione di fondo che i militanti talebani possano ancora avere accesso alle risorse del FMI “, ha affermato Barr. “Il mio disegno di legge userebbe la forza americana per isolare l’Afghanistan dal FMI, a meno che non vi sia un interesse nazionale a invertire quella decisione e possiamo essere sicuri che il governo in Afghanistan sta proteggendo i diritti delle donne e non sostiene i terroristi”.

Visualizza il thread di discussione.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *