Skip to content

Incendi che accelerano la migrazione degli alberi a causa del cambiamento climatico: studio

Gli alberi migranti stanno trovando nuove case nelle foreste degli Stati Uniti occidentali, poiché le mutevoli condizioni climatiche accelerate dagli incendi boschivi li costringono a cercare luoghi più freschi e umidi, secondo un nuovo studio.

La ricerca, pubblicata lunedì su Nature Communications, fornisce la prima prova empirica che gli incendi stanno accelerando il movimento degli alberi, probabilmente diminuendo la concorrenza delle specie consolidate, afferma un comunicato stampa che accompagna lo studio.

Gli autori hanno anche esplorato come ottimizzare la gestione del territorio in mezzo a tali cambiamenti dell’ecosistema per il ripristino delle foreste e le aree di mitigazione degli incendi boschivi che stanno ricevendo collettivamente più di $ 5 miliardi dal disegno di legge sulle infrastrutture bipartisan, firmato da Presidente BidenJoe BidenI repubblicani della Florida votano per limitare i mandati sui vaccini Il disegno di legge onora i 13 membri del servizio uccisi in Afghanistan si dirige alla scrivania di Biden Difesa notturna e sicurezza nazionale Presentato da Boeing Il Pentagono promette maggiore trasparenza sugli attacchi aerei ALTRO lunedì in legge.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

“Forze complesse e interdipendenti stanno plasmando il futuro delle nostre foreste”, ha affermato in un comunicato stampa l’autore principale dello studio Avery Hill, uno studente laureato presso la School of Humanities & Sciences dell’Università di Stanford.

La ricerca passata ha già dimostrato che le gamme di piante si stanno spostando ad altitudini più alte e più fresche a una media di circa cinque piedi all’anno, secondo lo studio. Ma molti di questi studi hanno scoperto che tali cambiamenti di intervallo sono in ritardo rispetto al tasso di cambiamento climatico, con alcune specie che finiscono per arenarsi in habitat inadatti, un fenomeno che il team della Stanford University mirava a chiarire.

I ricercatori hanno analizzato i dati del servizio forestale degli Stati Uniti provenienti da oltre 74.000 siti in nove stati degli Stati Uniti occidentali, identificando specie arboree che stanno spostando i loro areali verso siti più freschi e umidi, una risposta che gli autori hanno affermato di aspettarsi.

Ma quando hanno confrontato il tasso di spostamento dell’intervallo tra le aree bruciate da un incendio e quelle che non lo erano, gli scienziati hanno trovato prove evidenti che due specie di abete di Douglas e di quercia viva del canyon hanno sperimentato cambiamenti di portata più grandi nelle zone che erano state bruciate.

Mentre gli autori hanno affermato di non aver ancora individuato con precisione come gli incendi accelerino questo cambiamento, hanno ipotizzato che le aree bruciate contengano meno concorrenza da parte di altre specie di piante, a causa del sottobosco bruciato e della chioma aperta lasciata al posto di un incendio. Quando esiste la competizione, al contrario, la presenza di alcune specie può rallentare i cambiamenti di areale di altri tipi di alberi.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Questi risultati, secondo gli autori, parlano dell’importanza di implementare ustioni prescritte a bassa intensità e incendi naturali, come parte di una strategia di gestione del territorio che garantisca che gli alberi possano adattarsi ai cambiamenti climatici.

Tali processi dell’ecosistema tendono ad “avere diversi livelli di controllo” che possono contribuire a un’efficace gestione del territorio, ha affermato nel comunicato stampa il coautore Chris Field, direttore dello Stanford Woods Institute of the Environment.

Lo studio, ha aggiunto, sottolinea “un meccanismo naturale che può aiutare le foreste a rimanere sane, anche di fronte a piccole quantità di cambiamenti climatici”.

Visualizza il thread di discussione.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *