Skip to content

I 6 più grandi risultati del rapporto sull’impeachment dei democratici

Ieri, i Democratici hanno pubblicato il loro rapporto in cui spiegano in dettaglio il motivo per cui stanno mettendo sotto accusa il presidente. Gran parte di esso espone semplicemente i fatti ben noti che ci hanno portato a questo punto, ma è un po’ sconcertante vedere tutto messo insieme in un’unica narrativa coesa. Questo è un reato palese e inappuntabile come questa nazione ha visto. Il presidente Trump e i suoi sostenitori nel Partito Repubblicano si sono impegnati in un calvario senza precedenti che li ha visti sfidare ogni legge, norma e istituzione esistente, il tutto nella ricerca incontrollata dell’avidità personale. Questo è un classico esempio di cosa significa 渜uid pro quo (se ti tiro una pistola alla testa e dico “dammi i tuoi soldi o premo il grilletto, è un quid pro quo, ed è fondamentalmente quello che era il piano di Trump) . Ecco sei estratti che si sono distinti in queste 300 pagine.

Prima di entrare nel merito delle accuse, voglio evidenziare una citazione molto famosa con cui Adam Schiff ha condotto, pronunciata dal nostro primo presidente nel suo discorso finale alla nazione:

Nel suo discorso di addio, il presidente George Washington ha avvertito di un momento in cui “uomini astuti, ambiziosi e senza principi saranno messi in grado di sovvertire il potere del popolo e di usurpare per se stessi le redini del governo, distruggendo in seguito le stesse macchine che li hanno sollevati al dominio ingiusto.滭/p>

Gli artefici della Costituzione capivano bene che un individuo avrebbe potuto un giorno occupare l’Ufficio del Presidente che avrebbe posto i suoi interessi personali o politici al di sopra di quelli della nazione. Avendo appena ottenuto l’indipendenza combattuta da un re con un’autorità sfrenata, erano in sintonia con i pericoli di un esecutivo che mancava di lealtà alla legge e alla Costituzione.

C’è un dettaglio chiave che manca qui, ed è l’obiettivo del discorso: i partiti politici. Quella citazione riflette davvero la comprensione che un individuo potrebbe “mettere i suoi interessi personali o politici al di sopra di quelli della nazione, ma Washington stava sostenendo che i partiti politici sono i veicoli che incubano e proteggono quella illecita. Il fatto che Adam Schiff abbia tagliato l’inizio della citazione (淗comunque [political parties] possono di tanto in tanto rispondere a fini popolari, è probabile che nel corso del tempo e delle cose, diventino potenti motori, per cui uomini astuti, ambiziosi e senza principi︹€? rivela l’obiettivo di usare le parole di Washington per arrivare a Trump invece di ascoltare le più grandi questioni sistemiche che il nostro primo presidente stava parlando di questioni che Entrambi i partiti politici hanno manifestato. Potrebbe sembrare un cavillo banale, ma è un altro esempio di come la mentalità reaganiana di attribuire più importanza agli individui che ai sistemi ha permeato il nostro intero discorso politico e ci ha fatto concentrare su tutte le cose sbagliate.

L’intero caso contro Trump in questo documento può essere riassunto da queste due frasi:

L’indagine sull’impeachment su Donald J. Trump, il 45° presidente degli Stati Uniti, ha rivelato uno sforzo durato mesi da parte del presidente Trump per utilizzare i poteri del suo ufficio per sollecitare l’interferenza straniera a suo nome nelle elezioni del 2020. Come descritto in questo sommario esecutivo e nel rapporto che segue, il piano del presidente Trump ha sovvertito la politica estera degli Stati Uniti nei confronti dell’Ucraina e minato la nostra sicurezza nazionale a favore di due indagini politicamente motivate che avrebbero aiutato la sua campagna di rielezione presidenziale.滭/p>

淪olicit è la parola chiave lì. Questo è stato lo spettacolo di Trump sin dall’inizio. Se sei contrario all’impeachment, comprendi che la tua posizione funzionale è che è perfettamente ragionevole che il Presidente degli Stati Uniti sovverti la politica del governo al fine di utilizzare i poteri dell’ufficio a vantaggio principalmente di se stesso (es: un re). Questa è una linea nella sabbia che qualsiasi nazione di leggi deve tracciare, perché se non lo facciamo, stiamo dicendo alla persona più potente del mondo che non è soggetta alle regole stabilite per loro nella nostra costituzione. Se non accusiamo Trump per questa palese violazione del giuramento del suo ufficio, invierebbe un messaggio a tutti i futuri presidenti che sono al di sopra della legge e sono persino incoraggiati a sovvertire la volontà del popolo al fine di i propri interessi personali.

Criticare seriamente le affermazioni di Trump sembra come spiegare in dettaglio a un bambino di 8 anni perché Babbo Natale non è reale, ma questo è il presidente degli Stati Uniti, e quindi le sue parole hanno valore anche se non hanno senso. Trump ha notoriamente affermato che lui e l’ambasciatore Gordon Sondland hanno avuto una telefonata intorno al 9 settembre in cui Trump ha detto all’ambasciatore che stava effettuando la sua operazione di quid pro quo, 渘o quid pro quo. Questo è uno dei suoi pezzi chiave di difesa (evidenziando ulteriormente quanto tutto sia stupido), ma questo paragrafo del rapporto evidenzia come le testimonianze di Sondland e Tim Morrison, Senior Director for European Affairs per il National Security Council, confutino l’accusa di Trump di aver una telefonata che istruisce specificamente i suoi sottoposti a non fare ciò che stava loro ordinando di fare:

Sia l’ambasciatore Taylor che il signor Morrison, basandosi sulle loro note contemporanee, hanno testimoniato che la chiamata tra l’ambasciatore Sondland e il presidente Trump è avvenuta il 7 settembre, il che è ulteriormente confermato dal messaggio di testo dell’ambasciatore Sondland l’8 settembre in cui scriveva di aver 渕molteplici convogli con il presidente Zelensky e il presidente Trump. Una telefonata del 9 settembre, che sarebbe avvenuta nel cuore della notte, è in contrasto con il peso delle prove e non supportata da alcun documento che la Casa Bianca era disposta a fornire all’ambasciatore Sondland. Indipendentemente dalla data, l’ambasciatore Sondland non ha contestato di raccontare sia il signor Morrison che l’ambasciatore Taylor di una conversazione che ha avuto con il presidente in cui il presidente ha riaffermato la comprensione dell’ambasciatore Sondland del quid pro quo per l’aiuto militare.

Poiché viviamo nella linea temporale più stupida, la prova più schiacciante che dimostra che Trump si è impegnato in uno schema di “uid pro quo” palesemente illegale proviene dalla stessa amministrazione Trump. Poiché gli assistenti di Trump non stavano rispettando le citazioni in giudizio, i Democratici non hanno potuto convincere nessuno a testimoniare che Trump ha ordinato personalmente un quid pro quo, quindi si sono affidati al “riassunto perfetto della chiamata rilasciato da Trump e alle dichiarazioni pubbliche del suo capo di stato maggiore.

Durante una telefonata del 25 luglio 2019 tra il presidente Trump e il presidente Zelensky, il presidente Zelensky ha espresso gratitudine per l’assistenza militare statunitense. Il presidente Trump ha immediatamente risposto chiedendo al presidente Zelensky di non farci un favore e ha apertamente sollecitato l’Ucraina a indagare sull’ex vicepresidente Biden e sulla teoria del complotto del 2016. A sua volta, il presidente Zelensky ha assicurato al presidente Trump che avrebbe portato avanti le indagini e ha ribadito il suo interesse per l’incontro alla Casa Bianca. Sebbene il piano del presidente Trump abbia intenzionalmente aggirato molti membri del personale in carriera, è stato intrapreso con la conoscenza e l’approvazione di alti funzionari dell’amministrazione, tra cui il capo di stato maggiore ad interim del presidente Mick Mulvaney, il segretario di Stato Mike Pompeo e il segretario all’Energia Rick Perry. In effetti, in una conferenza stampa settimane dopo le rivelazioni pubbliche sul piano, Mulvaney ha riconosciuto pubblicamente che il presidente ha direttamente legato la sospensione degli aiuti militari al suo desiderio di convincere l’Ucraina a condurre un’indagine politica, dicendo agli americani di “superarlo”.滭/p>

Tutto è così insondabilmente stupido.

Il suo cognome appare 50 volte in questo documento, il che chiarisce che era un pezzo chiave di tutto questo schema. In effetti, la Camera ha persino prodotto questi tabulati telefonici che dimostrano che Nunes è stato contattato dall’avvocato personale di Trump, Rudy Giuliani, due settimane prima della prima telefonata di Trump con il nuovo leader ucraino che presto avrebbe cercato di estorcere.

rudy chiamato nunes.png

Questo è il motivo per cui ho fatto un’eccezione all’inquadratura errata della citazione di George Washington in alto. Non si tratta di Trump. Si tratta del Partito Repubblicano e del suo desiderio di distruggere le nostre leggi, norme e istituzioni per proteggere il loro caro leader. Trump è solo un sintomo di un problema più grande.

L’indagine ha rivelato la natura e la portata della cattiva condotta del Presidente, nonostante una campagna di ostruzionismo senza precedenti da parte del Presidente e della sua Amministrazione per impedire ai Comitati di ottenere prove e testimonianze documentarie. Una dozzina di testimoni ha seguito gli ordini del presidente Trump, sfidando richieste volontarie e citazioni legali e rifiutandosi di testimoniare. La Casa Bianca, il Dipartimento di Stato, il Dipartimento della Difesa, l’Ufficio per la Gestione e il Bilancio e il Dipartimento dell’Energia si sono rifiutati di produrre un unico documento in risposta alle nostre citazioni.

Ciò che Washington temeva era che i partiti politici sarebbero diventati più una garanzia di lavoro che un veicolo per fornire una buona politica e che la lealtà al partito sarebbe diventata più importante della lealtà al paese. Questo è Esattamente cosa è successo con il intero Partito Repubblicano, così come parti del Partito Democratico (vale a dire: la gente che non vuole una primaria controversa in cui dibattiamo sulla politica e invece vuole che tutti si impegnino a giurare fedeltà assoluta e totale a qualunque candidato l’establishment ci dica è quello che dovrebbe vincita).

Capisco perché Adam Schiff abbia usato quella citazione, perché sembra davvero che George Washington sia risorto dai morti e abbia semplicemente descritto la sua impressione iniziale di Trump, ma il fatto che Washington abbia assolutamente inchiodato una previsione di Trump 223 anni fa è la prova della sua preveggenza del dinamiche di partito che hanno incoraggiato l’ascesa di Trump. Se non vediamo come questo processo di impeachment evidenzi i timori di Washington sulla forza corruttrice intrinseca dei partiti politici e cambiamo il nostro comportamento (o i partiti) per minare questa dinamica, allora siamo certi di ripetere diverse variazioni di questo processo più e più volte fino a quando gli oceani ci inghiottono interi.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *