Skip to content

Fai un favore a te stesso Guarda il teatro locale durante il viaggio

main-ireland-theatre.jpg

Questa storia inizia come molte storie sul teatro locale iniziano: con un viaggio all’estero. Nel 2012 avevo 21 anni. Stavo viaggiando all’estero in Irlanda per il viaggio più stereotipato possibile per ritrovare me stesso. Non è quello che dovresti fare come scrittore confuso, tornare da dove veniva la tua famiglia per vedere se indica chi diavolo sei?

Di giorno lavoravo in un’agenzia di content marketing con vari clienti ma soprattutto One Big One That We Couldn’t Tick Off. Di notte, assistevo alle proiezioni al cinema locale e cercavo di trovare amici irlandesi disposti a uscire con un introverso che odiava il gusto della Guinness.

Ero lì come irlandese-americano, desideroso di saperne di più sulla cultura che i miei antenati avevano portato negli Stati Uniti.

Ero lì per andare a Downpatrick. Per chi non lo sapesse, Downpatrick è una piccola città nella contea di Down, nell’Irlanda del Nord. È noto per essere l’ultima dimora di San Patrizio, i suoi bar affascinanti ed essere una delle poche città irlandesi senza pecore (per quanto ne so). Questa era la città in cui un ramo della mia famiglia era fuggito all’inizio del 1700 per sfuggire alla persecuzione religiosa. Oppure, se fossero stati cattolici, per evitare il dramma imminente.

L’escursionismo in città era abbastanza tranquillo. La gente del posto era amichevole. Ma erano ancora tutti un po’ restii ad aprirsi con la ragazza straniera dai capelli innaturalmente corti. Ero un americano in visita desideroso di conoscere l’atmosfera del posto. anch’io mi sarei spaventato.

All’ultimo secondo, ho comprato un biglietto per una produzione itinerante di Melmoth il Vagabondo, una commedia di cui non avevo mai sentito parlare. A questo punto ero abbattuto. Avevo sprecato un’intera giornata a chiacchierare in un bar e a farmi guardare da vecchie signore. Cosa c’era da imparare su questa regione? Chi mi aprirebbe?

Melmoth era proprio il rimedio di cui avevo bisogno. Una versione sperimentale di una storia antica, questa produzione era completamente folle e completamente irlandese. La storia di un uomo maledetto (o benedetto?) dalla vita eterna, raccontata attraverso un coro in stile greco con secondi fini, questa produzione ha utilizzato il piccolo spazio di un teatro in una piccola città dell’Irlanda del Nord per raccontare una storia accattivante. Le esibizioni sono state eccezionali. Ma oltre a ciò, si sentivano reali. Si sono sentiti come persone reali che hanno lavorato come attori che si uniscono per raccontarci una storia dal loro cuore. Era questo. Questo era quello che stavo cercando. Big Telly, il gruppo direttamente responsabile della produzione che ho visto, punta direttamente a sorprendere le persone attraverso il teatro. Questa è una qualità che non ho visto in molti teatri locali, specialmente in America. Per non denigrare le opere americane, è solo un aspetto del carattere nordirlandese che non avrei mai ripreso se non avessi visto uno spettacolo teatrale. Il teatro di questo paese, sotto il governo di un paese mentre è fratello del sud vive in modo indipendente, è rude e stridente. L’arte è incredibilmente importante perché fornisce un percorso per il futuro. Non si può dimenticarlo.

Al contrario, assistere a uno spettacolo nella piccola città dell’Oregon (la mia città natale) è molto diverso. Portare le persone a vedere spettacoli teatrali nella mia casa non ancestrale porta a un’impressione molto diversa. È più probabile che dicano, 淭che il personaggio principale aveva uno sguardo pazzo negli occhi o 淚 si aspettava che questo fosse uno spettacolo caldo, ma tutti sembravano davvero trattenuti. È vero. Guardare uno spettacolo in un’ex città di disboscamento, dove regna il caos quando si tratta di alloggi e nessuno è sicuro di dove vivranno l’anno prossimo, parte di questo è destinato a succedere. E niente negli opuscoli del turismo te lo dirà.

Non ho finito per farmi amici con Downpatrick, a meno che non si conti l’affascinante adolescente goth con cui mi sono legato alla fermata dell’autobus (e lo faccio). Ma me ne sono andato con un senso dell’anima autentica del luogo. Non avrei dovuto aspettarmi di trovarlo, ma qualche dio del teatro aveva pensato bene di assecondare la mia richiesta. Ho visto Downpatrick. Ho visto l’Irlanda del Nord. Il teatro è un’abbreviazione per ciò che sta realmente accadendo in qualsiasi regione e dovrebbe far parte di qualsiasi viaggio. Più piccola è la città, più lo spettacolo ne parlerà. Il trucco scenico non può coprire l’entusiasmo per raccontare una storia o uno sguardo pazzo nei tuoi occhi.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *