Skip to content

Bernie Sanders chiede ai dipendenti Amazon di dettagliare le loro condizioni di lavoro

Suo. Bernie SandersBernie SandersOvernight Defense & National Security Presentato da Boeing Il Pentagono giura maggiore trasparenza sugli attacchi aerei Nonostante le promesse dei Democratici, un’IRS ampliata molesterà la classe media Sanders giura di opporsi al disegno di legge sulla difesa: “Dobbiamo correggere le nostre priorità” ALTRO (I-Vt.) sta invitando i dipendenti Amazon a condividere le loro esperienze di lavoro per il colosso della vendita al dettaglio online.

“Amazon è una delle società più ricche del mondo e il suo proprietario, Jeff Bezos, è l’uomo più ricco del pianeta, con un valore di oltre 155 miliardi di dollari”, ha detto Sanders in una dichiarazione pubblicata sul suo sito web.

ANNUNCIO

“Nonostante ciò, Bezos continua a pagare a molte migliaia dei suoi dipendenti Amazon salari così bassi da essere costretti a dipendere da programmi finanziati dai contribuenti come buoni pasto, Medicaid e alloggi sovvenzionati per sopravvivere”.

Ha invitato gli attuali ed ex dipendenti di Amazon a compilare un modulo sul suo sito Web condividendo le loro esperienze.

“Hai utilizzato l’assistenza pubblica, come buoni pasto, Medicaid o alloggi sovvenzionati, per sbarcare il lunario?” chiede il modulo. “Hai lottato con le difficili condizioni di lavoro in Amazon? Condividi la tua storia qui sotto.”

“Incoraggiamo chiunque a confrontare la nostra retribuzione e i nostri vantaggi con altri rivenditori”, ha affermato un portavoce di Amazon in una dichiarazione a The Hill.

“Amazon è orgogliosa di aver creato oltre 130.000 nuovi posti di lavoro solo l’anno scorso. Questi sono buoni posti di lavoro con una retribuzione altamente competitiva e benefici completi”.

Sanders ha precedentemente criticato Amazon e Jeff Bezos come parte di una “economia truccata” che priva i lavoratori dei diritti civili.

Il senatore del Vermont, un critico esplicito delle grandi società, ha specificamente chiamato Amazon in seguito a notizie secondo cui alcuni lavoratori affermavano di aver ricevuto salari insostenibili e di aver lavorato in condizioni antigieniche.

In una lettera a Bezos a giugno, Sanders ha raccontato storie che il suo staff aveva sentito da dipendenti Amazon in difficoltà.

“Il mio staff ha parlato con i lavoratori di Amazon che sono senzatetto, affamati, che soffrono e soffrono”, ha scritto Sanders. “Le persone che assumi che trascorrono 10 o più ore a notte correndo, piegando, sollevando e impacchettando i nostri nuovi gadget elettronici, vestiti per bambini, dolcetti per cani ed elettrodomestici da cucina, molti di questi lavoratori lottano per pagare l’affitto, mettono il cibo in tavola , mandare i figli al college o permettersi le spese mediche”.

Secondo quanto riferito dal Post, Sanders sta pianificando di introdurre una legislazione che richiederebbe alle grandi società come Amazon, Walmart e McDonald’s di coprire i costi di buoni pasto, alloggi pubblici e altri programmi di assistenza federale per i propri dipendenti.

Studi recenti hanno scoperto che una quantità sproporzionata di dipendenti Amazon è in buoni pasto.

Un recente rapporto ha rilevato che quasi 1 dipendente Amazon su 3 in Arizona nel 2017 aveva buoni pasto o viveva con qualcuno che lo era, ha riferito Business Insider.

In Pennsylvania, secondo quanto riferito, 1 dipendente Amazon su 10 aveva buoni pasto.

Un portavoce di Amazon in una dichiarazione al Post ha contestato le affermazioni, affermando che sono “fuorvianti perché includono persone che hanno lavorato per Amazon solo per un breve periodo di tempo e/o che hanno scelto di lavorare part-time”.

Aggiornato alle 14:12

Visualizza il thread di discussione.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *