Skip to content

Barriere d’acciaio per salvare il tunnel della metropolitana est-ovest di Calcutta

Lamiere di acciaio sono state installate nel tunnel della metropolitana est-ovest allagato a Bowbazar per impedire la diffusione dell’acqua accumulata e ulteriori danni agli edifici.

La metropolitana è andata a 17 metri sottoterra, nel tunnel dove sabato pomeriggio la macchina perforatrice aveva colpito una sacca di sabbia acquifera di sabbia portante acqua, provocando danni ad almeno 52 edifici e l’evacuazione di oltre 500 persone.

Gli ingegneri hanno affermato che l’acqua filtrava continuamente da due lati del tunnel su un tratto di 90 metri al di sotto dell’area in cui gli edifici hanno subito danni a causa del cedimento del suolo.

La metropolitana è entrata nel tunnel dell’Esplanade e l’ha attraversato per un chilometro e mezzo, fino a un punto a circa 70 metri dalla parte danneggiata.

La metropolitana di 16,5 km est-ovest si estenderà dal settore V fino a Howrah Maidan e passerà sotto l’Hooghly. Nella prima fase, che dovrebbe essere svelata intorno a Durga Puja, i treni circoleranno tra il settore V e lo stadio di Salt Lake, una distanza di circa 5,5 km.

Funzionari della Kolkata Metro Rail Corporation (KMRC), l’agenzia esecutiva della metropolitana est-ovest, hanno affermato che stavano cercando di tagliare la parte interessata dal resto del tunnel posizionando lamiere di acciaio in modo che l’acqua che filtrava non potesse

“Più edifici saranno danneggiati se non riusciamo a contenere l’acqua”, ha affermato un funzionario del KMRC.

Sono state erette due barriere d’acciaio a 3 metri l’una dall’altra. La macchina perforatrice giaceva a circa 2,5 metri dalla barriera sul lato di Sealdah.

Piccoli carri trasportavano una miscela di cemento, fibra e silicato di sodio, che veniva collocata nelle fessure delle barriere. Il processo di proiezione pneumatica della miscela ad alta velocità attraverso un ugello è chiamato calcestruzzo proiettato.

“La forza della spruzzatura nel calcestruzzo proiettato porta alla compattazione del calcestruzzo, che quindi forma strati di blocchi solidi dello spessore richiesto”, ha affermato un ingegnere del KMRC.

Tuttavia, questa è solo una parte della lotta antincendio.

Dalla superficie viene iniettata nella galleria una miscela di acqua, cemento e sabbia, denominata boiacca.

“La stuccatura è in corso nella copertura del tunnel tra le due barriere di acciaio, al di sopra dell’acqua accumulata. La malta viene utilizzata per bloccare le porzioni attraverso le quali l’acqua gocciola. La stuccatura è essenziale per proteggere il tunnel e anche il cedimento”, il ha detto l’ingegnere.

L’acqua veniva scaricata tramite pompe di aspirazione poiché il livello aumentava in seguito all’installazione delle barriere in acciaio.

I funzionari del KMRC hanno affermato che questo era l’unico modo per risolvere la crisi. “L’esercizio deve continuare per almeno 48 ore da martedì sera”, ha detto un funzionario.

KMRC ha coinvolto esperti di tunnel internazionali per affrontare il problema.

L’ingegnere sudafricano Paul Verrall, che aveva supervisionato la trivellazione dei tunnel gemelli della metropolitana est-ovest tra Howrah Maidan ed Esplanade, sta monitorando l’operazione di salvataggio.

Fonti hanno affermato che Verrall, che ha scavato tunnel sotto edifici storici in Grecia, Turchia ed Egitto, aveva suggerito una stuccatura intensiva da tutti i lati. “Verrall e altri esperti hanno affermato che questo è l’unico modo per affrontare la situazione”, ha affermato un funzionario del KMRC.

Ma prima che molti edifici potessero crollare. Un certo numero di strutture in Durga Pituri Lane e Syakrapara Lane, fuori BB Ganguly Street, sono state inclinate.

“Il cedimento irregolare sta causando il crollo di alcuni edifici come un castello di carte. Il cedimento continuerà fino a quando la perdita non sarà tappata”, ha affermato un ingegnere della Calcutta Municipal Corporation.

“Gli edifici si stanno inclinando verso il lato dove c’è più cedimento. Ciò sta causando crepe nelle strutture e allargamento delle crepe che si sono già sviluppate”, ha affermato l’ingegnere.

Alcuni degli edifici sono affondati di quasi 250 mm, ha detto.

Martedì uno degli edifici 13A Durga Pituri Lane è crollato. Questo era uno degli 11 edifici che secondo il KMRC dovevano essere demoliti dopo la comparsa delle crepe. L’ente civico, tuttavia, ha sconsigliato la demolizione immediata di qualsiasi edificio in quanto sarebbe a rischio la vita del personale addetto alla demolizione.

“Il cedimento è in corso. Fino a quando il cedimento non si ferma, non dovrebbe iniziare la demolizione. Se gli edifici vengono demoliti ora, i lavoratori potrebbero rimanere intrappolati”, ha detto un ingegnere civico.

I rappresentanti del KMRC, del CMC e del gruppo di gestione dei disastri ispezioneranno nuovamente gli edifici colpiti mercoledì mattina e decideranno se i residenti possono entrare. I residenti sono desiderosi di entrare nelle loro case almeno una volta per portare fuori gli oggetti necessari.

“Solo un membro di ogni famiglia potrà entrare se gli ingegneri riterranno che è sicuro entrare negli edifici. Se decideranno che gli edifici potrebbero crollare da un momento all’altro, nessuno potrà entrare”, ha detto un funzionario.

“Trenta edifici sono stati evacuati e i residenti di altri 22 saranno presto trasferiti. Il numero può aumentare perché il cedimento si sta diffondendo”, ha affermato l’ingegnere della CMC.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *