Skip to content

10 ristoranti che ti lasceranno a bocca aperta con la loro architettura e gli interni

Cosa ti attira nei ristoranti? Per molti, non è solo il cibo delizioso e le bevande in offerta, ma anche l’arredamento, il design e la posizione unici. Quindi, i ristoratori pongono la stessa enfasi sull’atmosfera del luogo per elevare le esperienze culinarie dei loro clienti.

Caratterizzati da stili architettonici come l’Art Déco e il design sostenibile, ecco alcuni dei migliori ristoranti di tutto il mondo, i cui interni raffinati e le posizioni panoramiche creano un equilibrio rilassante con i loro piatti più raffinati.

Il un ristorante stellato Michelin si trova nella piazza della Signoria della città, una piazza storicamente significativa che è una delle zone più vivaci di Firenze. Parte del museo Gucci Garden e del punto vendita, gli interni del ristorante sono sontuosi con il colore verde e le sue molteplici sfumature che dominano gli arredi, le boiserie e le pareti. Affacciato su Palazzo Vecchio si trova lo spazio esterno coperto del ristorante con un arredamento deliziosamente coinvolgente dove mobili e colori hanno un tono più terroso.

Per chi desidera un’esperienza culinaria regale, la sala da pranzo privata chiamata Sala degli Specchi è l’opzione migliore. Dodici sedili posti qui al centro sono circondati da antichi specchi dorati che aggiungono dimensioni alle pareti rivestite in legno. Questa è una delle sale ristorante più ostentatamente decorate al mondo. Il secondo piano della struttura è progettato per riunioni di lavoro o ricevimenti privati. Le carte da parati, gli arredi e l’aura generale accentuata dall’illuminazione naturale e artificiale conferiscono alla stanza un’atmosfera regale.

Il ristorante di classe situato nell’edificio Chanel Ginza è un prodotto dell’associazione tra il leggendario chef-ristoratore Alain Ducasse e l’iconico marchio di moda francese Chanel. È stato disegnato dal designer boutique di Chanel Peter Marino e riflette la filosofia “semplice ed elegante” condivisa da entrambi i nomi famosi. Gli articoli realizzati da artigiani tradizionali giapponesi ed europei si fondono per creare un ambiente contemporaneo all’interno dell’elegante atmosfera del ristorante. È progettato tenendo presente che la luce naturale può giocare liberamente all’interno durante l’ora di pranzo e le luci notturne dello skyline di Ginza lo illuminano all’ora di cena. Cristallo, porcellane, argento, oro, gomma, legno, rame e lacca sono tra i materiali delle stoviglie.

Visita il tetto, che si chiama Le Jardin de Tweed. Lì vedrai un’installazione gigante con più loghi Chanel su un lato e lo skyline di Ginza intorno a te. Siediti a uno dei tavoli in una terrazza con giardino perfettamente curata e gusta uno spuntino leggero con lo champagne Perrier-Jou毛t.

Steireckè senza dubbio un capolavoro tra i ristoranti architettonicamente belli e serve la migliore cucina austriaca. Si trova nello Stadtpark, un parco centrale nel cuore della città, ed è questo l’ambiente che gli architetti PPAG hanno utilizzato nel loro design contemporaneo durante i lavori di ristrutturazione e ampliamento dell’edificio principale nel 2004. Di conseguenza, hai quattro blocchi di estensione (o padiglioni) con pareti esterne in metallo riflettente che consentono all’intera estensione di fondersi con il parco circostante. Le enormi finestre, che scorrono elettricamente verticalmente verso l’alto, rendono il design generale non solo futuristico ma anche in equilibrio con la natura.

Ogni padiglione è studiato per consentire la massima mobilità del personale. Le baie sono state create per consentire agli ospiti del padiglione di provare privacy e amicizia con l’ambiente che li circonda. Le partizioni mobili in legno curve posizionate strategicamente nell’area salotto aiutano a modificare rapidamente la disposizione, se necessario. Il design incorpora la completa trasparenza in quanto i commensali possono guardare gli chef preparare il cibo in una sezione che collega l’estensione alla parte originale dell’edificio.

Se sei un fan dello stile Art déco e del buon cibo, questo posto dovrebbe essere nella tua lista. Inaugurato nel 1998 nel Metropolitan Life North Building all’angolo tra 24th Street e Madison Avenue, il ristorante ha subito un’importante ristrutturazione, compresa la modifica del design, nel 2017.

Poiché l’iconico edificio è stato costruito tra il 1929 e il 1950, la sala da pranzo principale sembra una parte di un magnifico palazzo con finestre alte quasi quanto una casa media a due piani. Gli interni sono ispirati allo stato storico dell’edificio e della posizione. Pertanto, le calde tavolozze e le trame delle pareti, delle sedie e dei tavoli insieme all’illuminazione creano insieme un’atmosfera anni ’30.

Ci sono tre sale da pranzo private che possono ospitare fino a 18, 34 e 50 ospiti. Ad aggiungere profondità all’ultimo spazio architettonicamente bello del ristorante è un’installazione di Sol LeWitt. Il fascino intimamente glamour del bar completa il lusso della sala da pranzo.

L’architettura di Azurmendiè essenziale alla filosofia sostenibile del ristorante (e dello chef Eneko Atxa Azurmendi) quanto il menu. Dall’esterno, ricorda una grande serra situata sulla cima di una collina nei Paesi Baschi, dove il paesaggio appare come un ritratto edificante della campagna. Le pareti di vetro consentono ai commensali di gustare deliziosi piatti in compagnia degli splendidi panorami tutt’intorno mentre la luce naturale gioca negli spazi durante tutto il giorno.

Progettato da Naia Eguino, l’edificio è bioclimatico. Sul tetto si trova la serra del ristorante, insieme a un orto di ortaggi e piante aromatiche. Una banca del germoplasma di Azurmendi conserva oltre 400 varietà di semi dei Paesi Baschi. L’acqua piovana viene raccolta per i lavori di irrigazione e pulizia. La luce del sole viene utilizzata per l’energia e ci sono anche punti di ricarica per veicoli elettrici presso il ristorante. Nella costruzione sono stati utilizzati materiali riciclati e pannelli in legno locale certificato, compresi i pannelli interni. L’atrio ha un giardino interno dove le sculture degli alberi nascondono prese d’aria e le piante sono nutrite dall’acqua piovana. Per la sua progettazione e realizzazione, il ristorante è stato certificato da Leadership in Energy & Environmental Design (LEED). Ha vinto due volte il Premio Ristorante Sostenibile dato da The World’s50 Best.

Situato al 16° piano di un edificio nel centro di Mosca, l’elegante coniglio bianco ha un’enorme cupola di vetro che scherma la sua sala da pranzo principale a due livelli. Da qui, gli ospiti possono avere una vista a 360 gradi dello skyline di Mosca. Gli interni sono affascinanti e riflettono la storia architettonica barocca e rococò della Russia. Il rivestimento dei divani è in velluto e nei colori rosso, giallo e smeraldo. L’arte a tema coniglio e le tradizionali bambole matrioska fanno parte dell’arredamento, così come i fiori e i modelli artistici del patrimonio architettonico del paese. Mentre la luce naturale arriva da ogni lato durante il giorno, la notte diventa incantevole con un uso intelligente dell’illuminazione artificiale che include candele.

Atelier fa parte dell’hotel Bayerischer Hof a Monaco di Baviera. L’edificio dell’hotel è stato concepito dal re Ludovico I e costruito nel 1841. Oggi è uno degli indirizzi più famosi della città e un simbolo di grandezza.

L’Atelier, che si trova sul retro dell’hotel, è stato progettato da Axel Vervoordt, un rinomato designer d’interni e mercante d’arte belga. L’amore di Vervoordt per l’arte si riflette in ogni angolo del ristorante. Come si addice al suo nome, i pannelli, le persiane, le pareti e tutti gli arredi insieme appaiono come l’atelier di un artista. ‘The Garden’ del ristorante è un’accogliente terrazzino separato da una parete mobile realizzata da Dirk Vander Eecken.

Situato in Via Croce Rossa, l’esclusivo locale da 21 anni del marchio di moda di lusso è diviso in due sezioni. La prima sezione, che è al piano terra, ospita sia il caffè che il salone. Il primo piano ospita il ristorante con il nuovo ‘champagne bar’ all’ingresso.

Gli interni di questo sontuoso ristorante ti affascineranno nel momento in cui entrerai. Emporio Armani Caff猫 and Ristorante si trova in un edificio degli anni ’30. Questo è stato il motivo per cui nella sua più recente rivisitazione, gli architetti di Giorgio Armani hanno portato i colori e lo stile di quel periodo. Gli spazi sono stati riconcettualizzati e l’intera atmosfera è diventata più calda e ancora più sofisticata.

Il magnifico edificio di La Casa del 1888è una fusione di stile architettonico dell’Asia orientale e design francese. L’antica dimora si trova sul fianco di una montagna ed è stata progettata da Bill Bensley, che l’ha immaginata come la casa di un’immaginaria famiglia franco-eurasiatica. Gli interni di ciascuna delle sale da pranzo private riflettono i gusti dei figli della famiglia. Ad esempio, The Traveller’s Room è stato concettualizzato tenendo presente un figlio playboy della famiglia. Questa camera dispone di cappelliere originali Stetson, Knox e Churchill, poster di viaggio e libri come La storia di un cattivo ragazzodi Thomas Bailey Aldrich.

Allo stesso modo, la sala da pranzo Le Boudoir de Madame ha sgabelli ricamati in vietnamita, lanterne di bronzo, paraventi antichi e letti cinesi con baldacchino in legno con cui la “figlia” della famiglia sarebbe a casa. Lunghe finestre si ergono su tutti i lati dell’edificio come se toccassero i tetti in stile pagoda, rendendo La Maison 1888 una delle principali attrazioni di Da Nang.

La facciata di questo ristorante di sushinel quartiere Polanco è uno spettacolo da vedere. Due strati autoportanti di lastre di acciaio finemente tagliate e lavorate a mano formano una struttura reticolare attorno alle pareti del ristorante. Quando la luce del giorno filtra attraverso la facciata, crea ombre ipnotizzanti all’interno. La luce viola illumina questa struttura unica la sera, conferendole una sensazione psichedelica. La struttura forma una combinazione unica con l’edera naturale che ricopre i muri di sostegno.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *